Domenica, 06 Luglio 2008 18:16

Aiuto! Mi si è aperto il rubinetto dell'anima!

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Aiuto! Mi si è aperto il rubinetto dell'anima!

AndreaOppureEditore Prezzo: 6€

(clicca sull'immagine per visualizzare il sito della casa editrice)
 
 
 

 

Quando ho scritto questa ‘Strana Cosa’ (non mi chiedete che cos’è perché non lo so, non avendolo ancora letto!!... Detto tra noi… penso che non lo leggerò mai!! Voglio dire che uno come me che è abituato alla grande letteratura mondiale, tipo l’ultimo best-sellers di “Fabrizio Corona” o Pulsatella o Melissa P., vi pare che si mette a perdere tempo con banalità o consimili??...) vivevo il delirio schizoide!!... Adesso… invece… pure!!

Intervista a Gianni Mauro:

1-Letteratura 'umana'

Premesso che essendo un uomo di lettere (cartoline, raccomandate…), come dicevo pocanzi, va da sé che nella mia decisione c’è stato un motivo letterario. Ma è mio dovere sottolineare il motivo umano. Oserei dire il ‘Caso umano’, perché, signori miei, ci troviamo veramente di fronte a un disperato e devastato ‘caso umano’. Se avete avuto la disgrazia di vedere in foto Gianni Mauro vi renderete conto già dall’aspetto che è un ‘caso umano’. Aggiungete a ciò che ha 5 mogli da mantenere, 18 figli, 32 nipoti, 15 pronipoti, 5 gatti, 18 figli di gatti, 32 nipoti di gatti e 15 pronipoti di gatti e ditemi voi se non è un ‘caso umano’. Mi appello alla vostra clemenza.

2-L'influenza
Per quanto riguarda la seconda risposta, vorrei essere circonciso. Non posso non ammettere la forte influenza (avevo 40 di febbre, respiravo a fatica (a volte a lavoro), con forti coliche apatiche e con il rettile infiammato. Ho risolto il tutto con una supposta di nitro-glicerina) di Nicolaj Gogol e Cesare Battisti, autori fra l’altro di ‘Mi ritorni in mente’, ‘Emozioni’, ‘Acqua azzurra, acqua chiara’. Il movimento CULturale che mi ha ispirato molto è stato quello di Valeria Marini.

3-Feedback

La PUBBLICAZIONEDELLIBRO non la conosco ancora bene ma mi hanno detto che è persona a modo, veste ricercato (anche quando non ha commesso alcun crimine), somiglia vagamente a Bud Spencer nella stagione migliore (la Primavera di Botticelli), adopera un filo di trucco per velare l’incarnato leggermente irsuto, cammina su tacchi a spillo di 15 centimetri farfalla, lavora indefessamente nella zona di Ponte Milvio (Roma) e per chi non la conosce bene basta chiedere di DEBBORA. Essendo io disoccupato, mi offro, come dire, come addetto alle pubbliche relazioni e mi aspetto dalla suddetta DEBBORA (o PUBBLICAZIONEDELLIBRO che dir si voglia) un piccolo riconoscimento per il mio impegno di MAGNACCIA…ehm… volevo dire magnanimo amico.

Letto 1030 volte Ultima modifica il Sabato, 05 Ottobre 2013 08:15